madia-toscana-viscontiB

E la linea dei prodotti alimentari.

Pensata per cuochi esigenti, è stata sempre supportata da schede tecniche che suggeriscono utilizzo dei prodotti in piatti quasi sempre classici. Il nome della linea si richiama alla tradizione toscana e infatti la madia era il mobile da cucina in cui si impastava il pane casareccio e in cui si custodiva la farina e i generi alimentari di prima necessità. Il richiamo alla tradizione, le tecniche di lavorazione sempre artigianali, gli ingredienti solo naturali ci hanno fatto pensare alla madia come a uno strumento-simbolo di lavoro di cui l’uomo è l’unico artefice della propria opera.

I prodotti che sotto elenchiamo e che fanno parte della linea dai sapori della madia toscana sono ottenuti senza aggiunta di aromi o estratti e hanno una origine territoriale tipica.

La pera picciòla è una biodiversità del monte Amiata che trova collocazione in cucina per la sua specifica caratteristica organolettica. Resiste alle alte temperature mantenendo inalterato il suo sapore, sapore mellifero, particolarissimo in cucina. La proponiamo in versione sciroppata e agrodolce.

Con la pera picciòla, sempre della stessa linea di prodotti, proponiamo un agretto. Gli agretti sono prodotti scomparsi in auge quando non si sprecava niente e nelle campagne si usava sfruttare la frutta avanzata facendola bollire con aceto e aromatizzandola con erbe aromatiche, il risultato era un condimento spalmabile che si conservava a lungo in tempi in cui non c’era il frigorifero. Oltre a questo tipo di agretto produciamo anche un agretto al rafano.

Il mosto cotto conosciuto in alcune regioni italiane come sapa, si prepara in autunno con il così detto mosto muto e si ottiene per cottura. Oltre al mosto cotto tradizionale produciamo il mosto con mela cotogna che proponiamo per piatti di carne e il mosto cotto e marroni.

Le castagne sono per noi prodotti importanti. Produciamo marroni sciroppati e marroni salati ma anche marroni glassati aromatizzai a grappa e vecchiarelle sia al cacao e vecchiarelle al mosto. Un tempo nelle zone di montagna in Toscana vecchiarelle erano chiamate le castagne essiccate fatte cuocere in acqua e usate per aaromatizzare il brodo. Per noi le vecchiarelle sono marron glacé a pezzi in crema cacao o crema mosto a 17 gradi alcolici. Sono usate generalmente per guarnire panne, mascarponi, ricotta oppure certi tipi di formaggi, c’è chi le usa anche sulla carne.

I prodotti della linea